Chi siamo

Contro i continui e crescenti attentati alla libertà di frequentazione della montagna e richiamandosi ai principi enunciati nella CARTA del Club Arc Alpin che ribadiscono che:

  • la libertà e la gratuità di accesso alla montagna sono valori primari;
  • il patrimonio culturale dell’alpinista è per definizione essenza di libertà e come tale va protetto.

Al fine di:

  • evitare regolamentazioni unilaterali e limitazioni della pratica alpinistica da parte di autorità e privati;
  • assicurare e promuovere il libero e responsabile accesso ed esercizio alpinistico in montagna come forma di un’esperienza unica che va garantita anche alle generazioni future.

Alla presenza dei rappresentanti del Club Alpino Italiano, dell’associazione Guide Alpine Italiane, del Club Alpino Accademico, del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e speleologico, della Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo Scialpinismo e Arrampicata libera del CAI, di esperti del settore, in data 19.05.2012 a Porretta Terme (BO) si è costituito :
l’OSSERVATORIO DELLA LIBERTA’ IN MONTAGNA

Scopo dell’Osservatorio
 è affermare e tutelare quanto esposto in premessa.

Il Club Alpino Italiano condividendone le finalità, RICONOSCE e COLLABORA con l’Osservatorio, attraverso le proprie competenze e strutture ed INVITA tutti coloro che si riconoscono nei più generali principi di libertà a fornire il proprio sostegno.

Milano 19.10.2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website