Libertà in montagna e responsabilità giuridica

Luca Calzolari (www.lucacalzolari.it), direttore del mensile del CAI Montagne360 e membro dell’Osservatorio, ha scritto un editoriale titolato “Libertà in montagna e responsabilità giuridica” pubblicato sul numero di marzo 2014 della rivista:

“Egregio dottor Raffaele Guariniello, Le sottoponiamo le nostre riflessioni in fatto di giudizio in sede civile e sede penale per cause concernenti l’attività in montagna. Chiariamo subito che non Le scriviamo per auspicare una “giustizia speciale”, o “tribunale della montagna”, che conosca la materia e i principi di fondo evidenziati nella lettera. Le scriviamo … perché riteniamo che Lei personalmente debba essere messo a conoscenza della filosofia di coloro che reputano essenziale forma di libertà il muoversi su terreno di avventura montana”.

Così inizia la lettera aperta che l’Osservatorio per la Libertà in Montagna e in Alpinismo – nato in seno al CAI – ha inviato al Pm torinese che sta indagando su alcuni casi d’attività fuoripista che hanno provocato una valanga. Credo che l’iniziativa dell’Osservatorio sia importante…

La versione integrale è scaricabile QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website